BanconoteCollezionismo

BANCONOTE NELL’ERA CONTEMPORANEA

Assignat_de_15_sols
Assegnato da 15 sols

Dopo l’esperienza degli assegnati (L’assegnato – in francese assignat – è una moneta istituita durante la Rivoluzione francese.), furono i funzionari francesi di Napoleone a imporre in tutta Europa l’uso di carta moneta. Nel XIX secolo però, la moneta cartacea poteva ancora essere sentita come un sostituto della vera moneta metallica, essendo sempre possibile la riconversione in oro. Si arrivò, nei momenti di crisi, a stabilire il corso forzoso, cioè la sospensione ex lege della convertibilità.

In Europa poi, nel periodo di relativo benessere dell’inizio del XX secolo, si assistette addirittura ad una situazione in cui il corso delle banconote faceva aggio sull’oro: nella libera fluttuazione tra moneta cartacea fiduciaria e moneta aurea, ci furono momenti in cui i cittadini preferivano la comodità della cartamoneta rispetto alla poca praticità della moneta metallica.

Lo scoppio della Prima guerra mondiale portò ben presto alla svalutazione della moneta cartacea, addirittura rovinosa per il marco tedesco: il finanziamento delle spese belliche era avvenuto infatti attraverso l’emissione di moneta cartacea.

La libera convertibilità rimase una prerogativa degli Stati Uniti d’America, che anche per questo divennero il centro dell’economia monetaria mondiale fino alla grande depressione del 1929, per affrontare la quale il presidente Roosevelt effettuò una svalutazione a freddo, accompagnata da altre drastiche misure.

Con questi provvedimenti Roosevelt stabilì che le monete d’oro non avevano più corso legale negli Stati Uniti, e la gente dovette convertire le proprie monete d’oro in altre forme di valuta; questa legge portò gli Stati Uniti fuori dal cosiddetto gold standard, e inoltre implicò anche la fine della regola per cui la valuta cartacea degli Stati Uniti poteva essere scambiata con oro in tutte le banche della nazione. La centralità dell’oro venne comunque ribadita nel sistema di Bretton Woods.

Il passaggio alla moneta cartacea avvenne a partire dal 1971, quando gli Stati Uniti dichiararono la fine di ogni rapporto di conversione tra banconote e oro (passando definitivamente alla moneta cartacea convenzionale). Ciononostante su alcune banconote è rimasta per lungo tempo una scritta che ricordava l’antico diritto del portatore di ricevere metallo prezioso presentando la banconota posseduta.

Nell’era contemporanea la moneta cartacea ha subito un’altra modifica, essa viene sempre più sostituita dalla moneta elettronica, costituita da carte di credito normalmente in plastica e da una banda magnetica (emesse da società finanziarie, banche o istituti di credito dell’e-payment o del credito al consumo all’uopo autorizzate), che consente la memorizzazione di dati sia dell’utente (titolare intestatario della carta) che di eventuali altri dati (quali: codice PIN serie numerica di cifre diverse o uguali, alfabetica insieme di vocali e/o consonanti, oppure alfanumerica composta da numeri e lettere, onde reprimere frodi), oppure altri dati riferiti a operazioni e transazioni effettuate tra le società emittenti la carta e l’utente.

Translate