BanconoteCollezionismo

BANCONOTA DA LIRE 50000 BERNINI TIPO I

gian_lorenzo_bernini
Giovani Lorenzo Bernini, meglio conosciuto come Gian Lorenzo Bernini (Napoli, 7 dicembre 1598 – Roma, 28 novembre 1680), è stato uno scultore, urbanista, architetto, pittore, scenografo, e commediografo italiano. Artista poliedrico e multiforme, Bernini è considerato il massimo protagonista della cultura figurativa barocca. La sua opera conobbe un clamoroso successo e dominò la scena europea per più di un secolo dopo la morte; analogamente, l’influenza di Bernini sui contemporanei e sui posteri fu di enorme portata.

Negli anni ottanta il fenomeno inflazionistico aumentò, raggiungendo un tasso del 20%. La somma di 50 000 lire del 1983 equivaleva in potere d’acquisto a quella di 7.500 lire del 1967. Il governo di Bettino Craxi e del ministro del Tesoro Giovanni Goria decise quindi di rinnovare tutte le banconote circolanti nel paese.

Nel frattempo, comunque, la svalutazione non accennò a rallentare: nel 1990 le banconote da 50 000 e 100 000 lire arrivarono ad un valore d’acquisto pari a quelle da 5000 e 10 000 lire nel 1967.

Di questo biglietto furono autorizzati 1.124.200.000 pezzi per un valore pari a L. 56.210.000.000.000

Fronte del biglietto nella destra testa di Bernini, tratta dall’autoritratto custodito nella Galleria Borghese in Roma nel centro Fontana del Tritone e pianta della Chiesa di Sant’Anna in Roma

Retro nel centro statua equestre di Costantino, scolpita dal Bernini , custodita nella Citta’ Del Vaticano e dietro essa sezione della Scala Regia (Vaticano), tratto dal disegno originale presso presso la Biblioteca Apostolica Vaticana.

Filigrana Testa di Lorenzo Bernini e monogramma “BI” entro arabeschi

Contrassegno di Stato fronte Leone di San Marco e Repubbliche Marinare

Intestazione firma Il Governatore, Il Cassiere

Misure in mm 150×70

Stampati Dall’Officina della Banca d’Italia

Realizzati disegno di G.Pino Incisione A. Canfarini per il fronte e F.Zannotti per il Retro

Il biglietto fu stampato su carta bianca ad impasto speciale e filigranata, il biglietto contiene un filo metallico di sicurezza interno posto verticalmente la stampa venne eseguita con il sistema letter-set

Decreto delle caratteristiche D.M. del 6 febbraio 1984

Serie ogni serie e composta da 700.000 pezzi

Serie speciali sostitutive venivano usate per sostituire i valori che durante la lavorazione risultavano avere difetti di fabbricazione quindi scartate e distrutte prima della distribuzione.In tutto e per tutto uguali alla serie ordinarie venivano impiegate per colmare i vuoti nelle mazzette. Oggi rivestono un maggiore interesse numismatico a causa della bassa tiratura e della difficile reperibilita’ . Ne fanno parte le banconote con lettera “X”

In circolazione dal 5 dicembre 1984, fuori corso dal 5 febbraio 1996

 

hitqvj

Translate