Aste ed eventiNumismatica

Numismatica Varesi il 24 febbraio presenta Asta collezione Augustus

Numismatica Varesi – Collezione Augustus

Vi segnaliamo l’asta Varesi “Collezione Augustus” che si terrà il 24 Febbraio 2016. A seguire una breve descrizione dell’asta e alcuni lotti in anteprima.

http://vn.bidinside.com/it/auc/1/collezione-augustus/1/

L’ASTA

Ben seicentotrentaquattro lotti, da Vittorio Emanuele I a Vittorio Emanuele III: ecco, in sintesi, la Collezione “Augustus” di monete decimali italiane di Casa Savoia che, per pregio e varietà degli esemplari presenti, si è meritata gli sforzi congiunti di due delle case d’asta numismatiche più note d’Italia, la Varesi di Pavia e la sammarinese Nomisma, per essere degnamente presentata al pubblico dei collezionisti. Il prestigioso insieme verrà messo in vendita il prossimo 24 febbraio a Villa Botta Adorno (Piazza della Libertà – 27020 Torre d’Isola, Pavia) a partire dalle ore 14.30. La partecipazione all’asta è ammessa in sala, mentre le offerte online invece dovranno pervenire tutte entro le ore 12.00 del 24 febbraio. La visione dei lotti, invece, è possibile dalle ore 10.00 alle 13.00 presso la sede di svolgimento dell’asta oppure dal 4 al 19 febbraio, per appuntamento, presso la ditta Varesi. Il numero telefonico della sala aste è 340.3174040.

Anteprima dei lotti

Fin qui le informazioni tecniche; è ora il momento, tuttavia, di sfogliare il catalogo che si apre con coniazioni di alto livello di conservazione a nome di Vittorio Emanuele I – in assoluto, le prime decimali di Savoia – tra le quali alcuni rari marenghi. Seguono le monete a nome di Carlo Felice, sul trono dal 1812 al 1831, tra cui si evidenzia uno splendido esemplare da 80 lire del 1828 (zecca Torino, segno P in ovale, lotto 21) che parte da una base di 6 mila euro dovuta sia ai tre gradi di rarità che alla conservazione superiore alla media; spettacolare anche la 20 lire del 1824, zecca Torino (lotto 32) che grazie ai fondi brillanti si merita un grading di Spl/Spl+ e una base di 5 mila euro. Eccezionale, tra le monete in argento, la 5 lire torinese del 1822 (lotto 44) giudicata Fdc e proposta a partire da 3 mila euro di base, capofila di una selezione di scudi che copre l’intero regno di Carlo Felice; dello stesso sovrano, non mancano anche nominali minori come lire, 50 e 25 centesimi in argento.

Lotto 24
Due rarità numismatiche di Carlo Felice re di Sardegna all’incanto il prossimo 24 febbraio

 

Tra le coniazioni a nome di Carlo Alberto (1831-1849) è presente anche la massima rarità tra le 100 lire oro prodotte da questo sovrano: si tratta (lotto 102) del pezzo coniato a Torino nel 1837 che, impreziosito da una conservazione prossima allo splendido (BB+/Spl, per l’esattezza), passerà sotto il martello del banditore a partire da 6 mila euro. Tra le 50 lire oro, invece, non mancano neppure uno degli appena 93 esemplari coniati a Genova nel 1833 né uno dei 385 esemplari battuti a Torino nel 1836 (lotti 106 e 108).

Lotto 648
Uno degli esemplari più ambiti nella serie a nome di Carlo Alberto re di Sardegna, le 100 lire torinesi del 1837

 

Vittorio Emanuele II è ben rappresentato come re di Sardegna, con le coniazioni del periodo 1849-1861): pressoché completa la serie dei suoi marenghi da 20 lire e, di particolare bellezza per le alte conservazioni, anche la selezione degli scudi in argento da 5 lire comprendente, ad esempio, un esemplare del 1835 per Torino (lotto 212) Spl+ e periziato Tevere, proposto da 3 mila euro di base. Non da meno, per rarità e fascino, la 5 centesimi del 1861 coniata a Milano (lotto 232, R4, Spl) che si merita una stima minima di 5 mila euro per l’elevata conservazione e la patina iridescente.

Lotto 1075
Vittorio Emanuele II re eletto è sinonimo di pregio numismatico: ecco due esempi dalla Collezione “Augustus”

 

La breve parentesi di Vittorio Emanuele II come re eletto (1859-1861) risplende – fra le altre – per le rarissime 10 lire bolognesi del 1860, R2 e Spl+ (lotto 233, base 6 mila euro) e per una eccezionale 5 lire coniata nella zecca felsinea che, in fior di conio e con splendida patina, fa segnare 15 mila euro di base d’asta (lotto 234). Come re d’Italia, d’altra parte, Vittorio Emanuele II è altrettanto ben rappresentato nella Collezione “Augustus” proposta da Varesi e Nomisma: i lotti 248 e 249, ad esempio, propongono due esemplari da 100 lire, rispettivamente del 1864 e del 1872, entrambe Spl e stimate 15 e 13 mila euro di base.

Lotto 680
Due massimi nominali nella monetazione del Regno: le 100 lire in oro del 1872 e del 1883

 

Il Novecento inaugura il regno di Vittorio Emanuele III, il “re numismatico”, del quale la Collezione “Augustus” presenta una coppia di progetti Johnson per le 100 e le 20 lire del 1903, una rarissima prova tecnica “fuori virola” delle 5 lire del 1926 (lotto 417, R4, base 3500 euro), senza contare alcuni inediti come la serie dei quattro tipi Impero in acmonital (2 e 1 lira, 50 e 20 centesimi) in astuccio Regia Zecca, in coppia con altrettanti esemplari di prova. L’insieme, datato 1939-XVII, è di assoluta rarità e fascino e, in Spl/Fdc, è proposto al lotto 425 a partire da 5 mila euro.

Lotto 1033
Estreme rarità, come le 20 lire del 1902, e interessanti prove saranno proposte da Varesi e Nomisma

 

La monetazione circolante che sarà proposta all’incanto il 24 febbraio prossimo comprende tutte le tipologie di 100 lire oro, uno degli appena 181 esemplari di moneta da 20 lire Aquila araldica millesimato 1902 (lotto 457, Fdc, 35 mila euro di base) oltre ad assolute rarità in argento come le 5 lire del 1901 (Fdc, lotto 478, 100 mila euro) sigillate in slab PCGS e giudicate MS64. Non meno importanti le 20 lire Littore del 1927-V (100 esemplari coniati) del lotto 462, proposte Fdc a 7 mila euro di base, e le 20 lire 1937-XV, lotto 467, battute in soli 50 pezzi e stimate 8 mila euro (anche queste in fior di conio).

Lotto 1213

Partono da 100 mila euro le 5 lire del 1901; “appena” 8 mila euro di base, invece, per le 20 lire 1937-XV prodotte in soli 50 pezzi

 

 

Il catalogo si completa con la monetazione prodotta in metalli non nobili; in ogni caso, anche questi esemplari si caratterizzano per un’elevata o perfetta conservazione che li rende particolarmente appetibili per ogni collezionista. Non mancano lotti multipli, come il numero 600 che comprende, ad esempio, 10 esemplari di centesimo Prora dal 1909 al 1918, in conservazioni da Spl a Fdc, proposto da una base di 120 euro; completano il catalogo una serie di belle monete emesse per la Somalia Italiana ed una sezione dedicata alle coniazioni per l’Albania. Insomma, un’asta da non perdere!

 

Per maggiori informazioni www.varesi.it
Translate