ArteBorsa e finanza

Instabilità dei mercati? Cambia tipo di investimento.

L’instabilità delle borse mondiali sta generando, in questi giorni, molti brutti pensieri agli investitori. Le recenti notizie non aiutano la loro fiducia… La Repubblica titola così:

Volkswagen nella bufera. L’autorità Usa per la protezione ambientale ha ordinato il richiamo di 500mila vetture: nel mirino un software che permetteva di truccare i dati sulle emissioni. Inchiesta penale. Stop alla vendita di Vw e Audi negli States. L’ad Winterkorn: “Mi scuso con tutti”. Berlino ordina test su tutti i modelli, dubbi anche sull’Europa. Il governo: “Preoccupati per la reputazione”.

Oggi invece apprendiamo che la Guarda di Finanza sta effettuando delle perquisizioni nella sede della Banca Popolare di Vicenza.

Dal sito di Ansa.it:

L’operazione è stata disposta dalla Procura della città veneta che ha iscritto nel registro degli indagati, tra gli altri, il presidente della banca Giovanni Zonin, noto imprenditore nel settore del vino, e l’ex direttore generale dell’istituto Samuele Sorato. Per entrambi le ipotesi di reato sono aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza.

Il risultato si traduce in una quantità abnorme di vendite allo scoperto,  la paura dei mercati è ormai un dato di fatto. Questa situazione non fa altro che avvalorare altre forme di investimento, la gente fugge dai mercati e cerca qualcosa di alternativo come la Scripofilia ( ne ho già parlato in questo articolo qualche giorno fa ). Un esempio eclatante di speculazione in campo  Scripofilo è l’obbligazione per la Roulette di Monte Carlo, realizzata da Marcel Duchamp.

 

Obbligazione Roulette di Monte Carlo ( 2 )

 

Per capire meglio di cosa sia successo a questo documento, vediamo chi è l’autore.

Marcel Duchamp  è stato un pittore, scultore e scacchistafrancesenaturalizzatostatunitense nel 1955.

Mentre sta seguendo il progetto per la “Semisfera rotante“, Duchamp mette a punto un sistema per far saltare il banco del casinò di Montecarlo. Dopo studi, calcoli e prove decide di emettere trenta obbligazioni che gli permettano di finanziare la concreta realizzazione dell’impresa: ai soci che versano 500 franchi ciascuno, è garantito un dividendo del 20% sulle eventuali vincite. La fantastica compagnia che emette i titoli di credito ( venduti nella ristretta cerchia degli amici dell’artista ) è presieduta da Rrose Sélavy e ha Duchamp come amministratore: alcuni brani dello statuto sono stampati sul retro delle obbligazioni. L’operazione va considerata a tutti gli effetti un’opera d’arte, come spiega Duchamp ( per bocca di Rrose ) in una lettera a Picabia: “Non ho smesso di essere un pittore, ora disegno con il caso“. L’obbligazione è costituita da un cartoncino litografato, che presenta al verso un disegno del tavolo verde: sullo sfondo compare uno scioglilingua di Rrose Sélavy, scritto in successione continua ( “moustique-domestique-demistock” ). Sopra la roulette è incollata una fotografia di Duchamp, scattata da Man Ray: l’artista ha la testa completamente insaponata e i suoi capelli sono acconciati in modo da creare due piccole ali sulla sommità del capo. Sembra un antico busto di Mercurio, il dio romano della scienza e del comemrcio, protettore dei vagabondi e dei ladri: il rimando è particolarmente appropriato all’occasione.   ( Fonte lottovolante ).

rayducha

Da queste informazioni possiamo capire che molti titoli hanno un valore collezionistico, storico, ma anche artistico. In questo singolare caso, l’obbligazione è stata venduta, presso la casa d’aste  CHRISTIE’S di NEW YORK, alla mirabolante cifra di 1.082.5000 dollari! 

Si tratta di un esempio molto particolare ma non unico, infatti molti investitori hanno capito che diversificare il proprio patrimonio è ormai cosa importante.

 

Massimo Uccelli
44 anni, libero professionista, in bilico tra il vecchio ed il nuovo, tra documenti antichi e tecnologia. Sempre in cerca di informazioni riguardanti documenti di vecchie banche italiane (Monti di Pietà).
Translate