Borsa e finanzaInvice

ETF STRATEGIC BETA PIU’ CARI RISPETTO AI CUGINI TRADIZIONALI di Lele Riani

Gli Etf strategic Beta continuano a essere più cari rispetto ai “cugini” più tradizionali, nonostante il calo delle commissioni degli ultimi anni. È quanto emerge dal nuovo report “Assessing the true cost of Strategic-Beta ETFs” targato Morningstar. Condotto dal team di ricerca sui prodotti passivi di Morningstar, lo studio analizza le commissioni, i costi di replica e di trading per 100 strategic-beta europei e li pone a confronto con 77 Etf tradizionali, domiciliati in Europa e relativi agli indici più popolari. Morningstar definisce strategic beta quella tipologia di strumenti passivi che mirano a ottenere performance migliori o un diverso profilo di rischio rispetto ai benchmark a capitalizzazione. Negli ultimi anni, questi prodotti di nuova generazione hanno registrato una crescita molto forte in termini di numero e di asset gestiti: a fine dicembre 2015 si contavano 950 strategic-beta, per un patrimonio di 478 miliardi di dollari a livello mondiale.

“Gli investitori in Etf strategic-beta, così come quelli in fondi attivi, sono più interessati alla performance e alla strategia, che non ai costi – commenta Hortense Bioy, Cfa, responsabile della ricerca sui fondi passivi in Europa di Morningstar – Seppure comprensibile, essi dovrebbero considerare anche la grande divergenza di costo che li caratterizza, anche quando offrono esposizione a strategie simili, oltre al fatto che quelli con costi minori hanno una maggiore probabilità di successo”.

Dal report emerge chiaro come gli Etf strategic-beta siano mediamente più cari rispetto ai loro “cugini” tradizionali, quelli cioè che replicano benchmark a capitalizzazione. I più costosi, in termini relativi, sono gli Etf Azionari Usa large cap value. Con riferimento al paniere S&P 500 e agli indici smart a esso collegati, il Ter (Total expense ratio) medio dei prodotti di nuova generazione è pari allo 0,43%, contro lo 0,14% degli Etf tradizionali. La fee media degli strategic-beta specializzati sugli emerging, invece, è di poco più alta dei colleghi tradizionali: 0,6% contro 0,53 per cento. Lo studio condotto da Morningstar, però, fa anche notare che il valore medio di costo degli strategic-beta europei è sceso da 0,43% a 0,39% negli ultimi cinque anni, principalmente a causa dell’introduzione sul mercato di prodotti di nuova generazione meno costosi. Tuttavia, il maggior turnover che caratterizza gli indici strategic-beta rispetto ai benchmark a capitalizzazione si traduce in più alte spese di replica che non sono incluse nel Ter e che rappresentano un ulteriore freno per le performance, sia per gli Etf sici sia per quelli sintetici. Mediamente, il tasso di turnover degli indici smart è di circa il 20-30% l’anno, mentre quello dei benchmark tradizionali si posiziona tra il 3 e l’8 per cento. Inoltre, gli investitori in questa tipologia di replicanti potrebbero anche sostenere costi di trading (negoziazione) più elevati. Nel complesso, infatti, si tratta di prodotti nuovi, piccoli e acquistati da investitori (buy and hold) più che da speculatori: tutti fattori che si traducono in volumi di scambi contenuti e in uno spread bid-ask (differenza tra prezzo di acquisto e di vendita) più ampio.

Schermata 2016-05-16 alle 16.30.18

INVICE.IT INVESTMENT & ADVICE
Invice - Investment & Advice è il nuovo progetto editoriale di Brave Editori Srl. IL QUOTIDIANO ONLINE Sul quotidiano online, www.invice.it, sono disponibili ogni giorno le principali news provenienti dal mercato, dal mondo dei promotori/consulenti e dall’universo del risparmio gestito, le strategie d’investimento consigliate da strategist e gestori, le interviste ai personaggi del momento, oltre a un ampio spazio dedicato alla finanza personale e al mondo della tecnologia. IL MENSILE Il magazine Invice, disponibile nella versione digitale sul sito e sui circuiti Apple e Android, è interamente dedicato ai professionisti della consulenza. Ogni mese saranno analizzati i principali trend di mercato, i fondi e gli altri prodotti più “in” secondo il parare dei promotori/consulenti, le offerte di lavoro nel mondo del risparmio gestito, le problematiche legali e fiscali, oltre ai principali temi d’investimento e di attualità. Con Invice la consulenza è a portata di clic
Translate