AssicurazioniBorsa e finanza

ASSICURAZIONE CASA: OPPORTUNITA’ DI SICUREZZA di Diego Puppo

Quanti di voi hanno chiesto un preventivo per assicurare la propria abitazione? Quanti di voi conoscono la differenza fra le coperture necessarie per il proprietario e per l’inquilino? Quanti di voi che abitano in un fabbricato con amministratore condominiale sanno cosa e come copre la polizza assicurativa globale e quanto è necessario fare per completare autonomamente l’assicurazione?
Lo ammettiamo, non è facile, ma con qualche accortezza si possono evitare spiacevoli guai.
Partiamo dal fatto che le coperture offerte per un’abitazione variano a seconda delle compagnie ma tutte si riassumono in alcuni macro settori così individuabili: incendio del fabbricato e del contenuto, furto, responsabilità civile del proprietario, della conduzione e del nucleo famigliare”.
Entriamo nel dettaglio. Le coperture cosiddette incendio, coprono di norma oltre che il caso in cui vi sia effettivamente uno sviluppo di fiamma, anche esplosione, implosione, scoppio, fumi, gas, vapori. A queste garanzie sono abbinate automaticamente garanzie minori che possono andare dal rimborso per le spese di rifacimento di documenti personali, perdita di pigioni, spese per demolizione e trasporto di macerie, ricollocamento dell’arredamento, ecc. Più importanti sono invece le coperture che riguardano gli eventi atmosferici, quali grandine, tempeste, trombe d’aria, uragani, eventi purtroppo sempre più frequenti nel nostro paese e che permettono, in presenza di queste coperture, di essere garantiti in caso di danno subito. Importante in questo caso ricordare che non rientrano mai nell’ambito della responsabilità civile i danni cagionati a terzi durante un evento atmosferico. Solo chi ha una polizza propria può farsi rimborsare un danno in quanto durante un evento atmosferico non è possibile richiedere i danni a terzi per esempio originati dalla caduta di tegole in quanto non sarebbe riconoscibile il responsabile visto che sovente tegole e calcinacci provengono da più proprietari posti talvolta anche ad ampie distanze dal luogo del sinistro. Insieme agli eventi atmosferici sono spesso abbinate anche le garanzie sugli atti vandalici. Ognuno di queste garanzie è applicata sia al fabbricato che al contenuto. Non di meno sono compresi in garanzia i fenomeni elettrici ed elettronici anch’essi spesso causa di apertura di molti sinistri da parte delle compagnie di assicurazione nei casi di temporale e sbalzi di tensione. Piccolo inciso. I danni da acqua piovana non rientrano mai nelle coperture assicurative di un’abitazione tranne il caso in cui questa penetri o da brecce createsi nei muri durante un evento atmosferico oppure, caso più frequente, attraverso scoperchiamenti parziali o totali del tetto se causati non da cattiva manutenzione ma da effettivo evento (leggasi vento) che ha permette la penetrazione della pioggia all’interno del fabbricato.
Aspetto invece molto usuale nei casi di sinistro è il cosiddetto danno da rottura accidentale delle tubazioni di acqua condotta. Qualsiasi tubazione interna ai muri è di competenza del proprietario. Se si rompe il proprietario si deve pagare i propri danni e rimborsare quelli creati a terzi. Se è presente la polizza assicurativa con le relative garanzie, invece, il proprietario può essere rimborsato del danno proprio di acqua condotta (il danno creato ai propri beni dalla rottura della tubazione) ed anche delle spese per ricercare e riparare il proprio danno (muratore, lattoniere, idraulico, imbianchino). Stesso dicasi per il danno a terzi che viene coperto attraverso la garanzia di responsabilità civile verso terzi. Nei casi di polizza condominiale questi sono tutti casi coperti da questa polizza e pertanto la denuncia del sinistro deve essere fatta attraverso l’amministratore alla compagnia assicurativa del fabbricato.
Diverso è il caso in cui questi danni sopra citati sono originati da tubazioni esterne ai muri. A questo punto sia nel caso di polizza privata sia nel caso di polizza condominiale, tranne rari casi, il danno a terzi è il solo danno risarcibile ma a questo punto non basta la copertura di responsabilità civile del proprietario ma occorre quella da conduzione inserita nella cosiddetta “capo famiglia”, polizza molto interessante che copre ogni componente del nucleo famigliare risultante da stato di famiglia, per ogni danno a terzi originato dalla conduzione dell’appartamento, delle case vacanze e di ogni altro ambito della vita quotidiana tranne che per danni cagionati dall’uso di veicoli a motore (infatti esistono le coperture obbligatorie per legge) o da attività professionale (anche in questo caso esistono polizza ad hoc).
Riassumendo, le garanzie necessarie per coprire adeguatamente un’abitazione sono l’incendio del fabbricato e del contenuto, garanzie accessorie, eventi atmosferici, atti vandalici, danni da acqua condotta, spese di ricerca e riparazione del guasto, furto (o per lo meno la copertura dei danni da furto se non proprio del contenuto), responsabilità civile del proprietario, del conduttore e del “capo famiglia”.
Attenzione. Se vivete in condominio, tutte le garanzie sopra descritte sono già comprese nella polizza condominiale che in quanto assicurante il fabbricato copre già ogni singolo appartamento. Per completare la copertura assicurativa già pagata all’interno delle spese condominiali sarà necessario che assicuriate però l’incendio del vostro contenuto con i fenomeni elettrici,  l’eventuale furto e la responsabilità civile della conduzione o anche del “capo famiglia”. Con queste coperture, al di là che sia sempre consigliabile farsi dare una consulenza dopo aver visionato una copia della polizza condominiale, se detta polizza sarà correttamente stipulata per garanzie , valori e massimali, potrete dormire sonni tranquilli per lo meno per essere certi che nei casi di danno, qualsiasi spesa vi potrà essere rimborsata.

Diego Puppo
Agente di assicurazioni, iscritto prima all’Albo Nazionale Agenti dal 21.06.2002 e poi al nuovo Registro Unico degli Intermediari Assicurativi dell’I.S.V.A.P. (Istituto di Vigilanza delle Assicurazioni Private) dall’1.2.2007. Dal 2004 è componente dell’Esecutivo Provinciale del Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione (S.N.A.), con l’incarico di Segretario e più volte delegato Provinciale ai Congressi Nazionali S.N.A. Nel novembre 2008 viene nominato Vice Presidente dello S.N.A. V.C.O. ruolo che ricopre tutt’oggi all’interno della sezione del VCO “Vittorio Zenith”. Dall’aprile 2012 al 2014 ricopre il ruolo di Vice Presidente dello S.N.A. Regionale Piemonte – Valle d’Aosta Per informazioni e contatti d.puppo@libero.it o ufficio +39 0323 403444
Translate