CollezionismoScripofilia

Anche Bloomberg parla del nuovo strumento per la guerra commerciale del Presidente Trump con la Cina. I titoli dei debiti storici cinesi (scripofilia)

Insieme al Presidente Trump anche collezionisti di titoli storici del debito pre-comunista stanno facendo pressioni sulla Casa Bianca per costringere Pechino a rimediare.

 La prossima mossa del presidente Donald Trump in una guerra commerciale sempre più densa con la Cina potrebbe essere letteralmente quella dei titoli storici non ancora incassati del debito cinese.  L’amministrazione Trump ha studiato la prospettiva di far rivivere rivendicazioni secolari su obbligazioni cinesi vendute prima della fondazione della Repubblica popolare comunista.

 Le obbligazioni cinesi inadempienti si trovano nelle soffitte e negli scantinati di migliaia di americani, o su alcuni siti specializzati di Scripofilia (https://scripofilia.it/it/specofilia-48/s-2/sottocategorie-chinese_gold_bond), dove i certificati vengono venduti come oggetti da collezione per un minimo di qualche centinaio di dollari ciascuno.  La Repubblica Popolare Cinese, che è succeduta alla Repubblica di Cina dopo aver sostituito la dinastia imperiale, non ha mai riconosciuto il debito, sebbene ciò non abbia fermato decenni di tentativi di riscuotere pagamenti su di esso.

 Ora, con Trump che accelera la retorica commerciale con la Cina, i detentori delle obbligazioni antiquarie sperano che premerà per il loro caso.

 Forse l’unica cosa più peculiare della storia del debito cinese e della richiesta di pagamento su di esso, è il cast di personaggi attratti nella sua orbita.  Il presidente Trump, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Steven Mnuchin e il segretario al Commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross hanno incontrato gli obbligazionisti e i loro rappresentanti.  Kirbyjon Caldwell, pastore di una megachurch del Texas e consigliere spirituale di George W. Bush, è stato accusato dall’autorità di regolamentazione dei titoli degli Stati Uniti per la vendita del debito ai pensionati anziani.  (Caldwell si è dichiarato innocente e sostiene che i legami sono legittimi.)

 “Con il presidente Trump, è un gioco completamente nuovo”, afferma Jonna Bianco, un allevatore di bestiame del Tennessee che guida un gruppo che rappresenta gli obbligazionisti cinesi pre-rivoluzionari e che ha incontrato il presidente.  “È una persona” America First “.  Che Dio lo benedica.”

 Si riferisce al nuovo strumento di guerra commerciale di Trump che potrebbe essere semplicemente un antico debito cinese

 Centinaia, se non migliaia, sono i titoli storici con garanzie anche in oro che non sono ancora stati incassati e che sembrano essere sopravvissute per tutti questi anni, questi fogli oggi potrebbero valere molti soldi.

Un esempio il titolo storico Imperial Chinese Government 5% gold loan del primi del ‘900. Il titolo è stato realizzato per finanziare la ferrovia di Hukuang ed è anche estremamente bello.  Stampato con un bordo decorato e con un’immagine storica della locomotiva, il debito fu venduto nel 1911 per aiutare a finanziare la costruzione di una linea ferroviaria che si estende da Hankou a Szechuan. Ma anche molti altri debiti storici rientrano in questa guerra commerciale, come i famosi Petchilli (GOVERNEMENT DE LA REPUBLIQUE CHINOISE BOND 5 1/2% PROVINCE DE PETCHILI £20 GOLD LOAN) e Superpetchilli (GOVERNEMENT DE LA REPUBLIQUE CHINOISE GOLD BOND 5% CHEMIN DE FER LUNG TSING U HAI £20) del 1913 e molti altri.

1913 – GOVERNEMENT DE LA REPUBLIQUE CHINOISE BOND 5 1/2% PROVINCE DE PETCHILI £20 GOLD LOAN https://scripofilia.it/it/chinese-gold-bond/6855-1913-governement-de-la-republique-chinoise-bond-5-12-province-de-petchili-20-gold-loan-scripopass-coa-included.html
1913 – GOVERNEMENT DE LA REPUBLIQUE CHINOISE GOLD BOND 5% CHEMIN DE FER LUNG TSING U HAI £20 https://scripofilia.it/it/specofilia/6846-1913-governement-de-la-republique-chinoise-gold-bond-5-chemin-de-fer-lung-tsing-u-hai-20-scripopass-coa-included.html
1913 – THE CHINESE GOVERNMENT 5% REORGANISATION GOLD LOAN £20 (505 Francs)
https://scripofilia.it/it/chinese-gold-bond/9428-1913-the-chinese-government-5-reorganisation-gold-loan-20-505-francs-orange-.html

 Gli Stati Uniti una volta si riferivano al denaro che confluiva in Cina all’inizio del XX secolo come “diplomazia del dollaro”, un modo per costruire relazioni con il paese (e il suo enorme mercato non sfruttato) aiutandolo a industrializzarsi.  I cinesi hanno un altro termine per questo: per loro si adatta perfettamente ai “Cent’anni di umiliazione” della Cina, quando il Regno di Mezzo fu costretto ad accettare un ingiusto controllo straniero.

 Poco dopo che la dinastia imperiale fu rovesciata nel 1911, la Repubblica di Cina iniziò a sfruttare anche i mercati dei capitali internazionali per ottenere finanziamenti.  Ciò includeva la vendita di una serie di banconote d’oro per finanziare il paese nascente.  Sono questi legami che Bianco, che ha co-fondato l’American Bondholders Foundation nel 2001 per rappresentare i detentori di debito pre-comunista, spera possa essere una leva politica utile nella lotta di Trump con la Cina.

 “La Repubblica popolare cinese respinge i suoi obblighi sovrani inadempienti come debito prima della Cina del 1949, ma in tal modo contraddice l’affermazione della Repubblica Popolare Cinese secondo cui è l’unico successore dei diritti sovrani del ROC”, ha detto Bianco in una dichiarazione via e-mail in risposta a questa storia  .

 Bianco afferma di aver trascorso anni a ricercare la questione e a reclutare sostenitori di alto profilo nel team ABF, tra cui Bill Bennett, che era il Segretario alla Pubblica Istruzione degli Stati Uniti sotto Ronald Reagan;  Brian Kennedy, ricercatore presso il Claremont Institute;  e Michael Socarras, candidato a Bush per il consiglio generale dell’Aeronautica.

 Sostiene che la Cina è in default selettivo, avendo pagato sulle obbligazioni detenute da investitori britannici nel 1987 come parte dell’accordo di consegna di Hong Kong negoziato dall’ex Primo Ministro e “Irony Lady” Margaret Thatcher.  Se la Cina non paga, dice, dovrebbe essere bloccata dalla vendita di nuovi debiti sui mercati internazionali.  Secondo i calcoli di Bianco, la Cina deve ora più di $ 1 trilione sul debito insoluto, una volta corretto per inflazione, interessi e altri danni, una somma approssimativamente equivalente alle disponibilità cinesi di titoli del Tesoro USA.

 “Cosa c’è che non va nel pagare la Cina con il proprio debiti storici antichi?” Afferma Bianco. 

Dalla sinistra: President Trump, Jonna Bianco, and Brian Kennedy, at the Trump National Golf Club in Bedminster, N.J.
SOURCE: JONNA BIANCO

 Ha incontrato Trump nel suo tentacolare campo da golf a Bedminister, New Jersey, lo scorso agosto, in un incontro che definisce “meraviglioso”. Da allora ha incontrato Mnuchin, anche se non rivelerà ciò di cui si è discusso.  I rappresentanti di ABF, tra cui Bennett, Kennedy e Socarras, hanno incontrato il segretario al commercio Ross in aprile, afferma Bianco.

 Le persone che hanno familiarità con il Dipartimento del Tesoro affermano che le obbligazioni cinesi sono state studiate, ma i suggerimenti di ABF, inclusa la possibilità di vendere il debito in default al governo degli Stati Uniti per poi scambiare con la Cina, non sono legalmente fattibili.  I portavoce del Tesoro e del Commercio hanno rifiutato di commentare.  Le persone che hanno familiarità con le opinioni dei funzionari cinesi affermano di essere a conoscenza delle riunioni, ma non pensano che le affermazioni possano essere rianimate.

 Ora la questione andrà avanti per vie legali e studi di professionisti.  In uno dei casi più famosi, l’Unione Sovietica ha ripudiato le obbligazioni vendute sotto lo zar, causando perdite a migliaia di investitori che avevano strappato i titoli storici.  Tuttavia, la maggior parte concorda sul fatto che, come principio giuridico, i regimi politici ereditano il debito dei loro predecessori;  la maggior parte dei governi sceglie di onorare i vecchi titoli, in parte perché non vogliono alienare gli investitori che potrebbero acquistarne di nuovi.

 “Penso che tutti coloro che lavorano per Trump presso il Dipartimento del Tesoro pensino che questo sia pazzo”, afferma Mitu Gulati, professore di legge alla Duke University ed esperto di ristrutturazione del debito sovrano.  “Ma non posso fare a meno di essere interessato alla questione e i risvolti che potrà avere, perché a livello legale si tratta di debiti perfettamente validi. 

Alcuni avvocati hanno iniziato a lavorare su questi casi in passato.  La persona più vicina a tentare di strappare i pagamenti dalla Cina era una causa legale proposta dai detentori di obbligazioni ferroviarie di Hukuang nel 1979 che riuscì a portare la Repubblica popolare cinese in tribunale per difendersi per la prima volta.  Gene Theroux, ex consigliere senior di Baker & McKenzie LLP, ha contribuito a rappresentare il governo cinese in tribunale.

 Theroux, ora in pensione, ricorda bene il caso storico.  “Le richieste di noi come avvocati erano occasionalmente insolite”.

 La causa è stata respinta sulla base del fatto che la Foreign Sovereign Immunity Act del 1976, che consente ai tribunali statunitensi di intentare causa contro i governi stranieri per rivendicazioni commerciali, non poteva essere applicata retroattivamente alle obbligazioni emesse all’inizio del secolo.

 Da allora, una decisione della Corte Suprema del 2004 ha stabilito che la FSIA potrebbe applicarle retroattivamente. Di questo caso è stato citato nel film Woman in Gold.  La sentenza ha aperto la strada a Maria Altmann per rivendicare i dipinti del famoso artista austriaco Gustav Klimt decenni dopo essere stati catturati dai nazisti.

 Ciò lascia ancora il problema di riattivare le rivendicazioni legali moderne sul debito ormai vecchio di decenni.  Gulati sostiene che ciò potrebbe forse essere fatto — per esempio, sostenendo che la Cina che effettua pagamenti su obbligazioni moderne viola le clausole pari passo (parità di pagamento) incorporate nel debito storico.  Tali clausole sono state utilizzate con successo dagli hedge fund in cerca di pagamento dall’Argentina alcuni anni fa.  È una possibilità legale, ma che Gulati ha assegnato ai suoi studenti di giurisprudenza come esercizio teorico.

 Anche la US Securities and Exchange Commission sta studiando il debito.  In una denuncia del 2018 contro il pastore Caldwell e un autodescritto pianificatore finanziario di nome Gregory Alan Smith, la SEC ha accusato la coppia di raccogliere almeno $ 3,4 milioni convincendo 29 investitori ad acquistare obbligazioni pre-rivoluzionarie.  Alcuni acquirenti, per lo più pensionati anziani, hanno liquidato le loro rendite per investire, ha detto la SEC.

 I messaggi lasciati per l’avvocato di Caldwell, Dan Cogdell, non sono stati restituiti.  In una conferenza stampa di marzo, Cogdell ha affermato che le accuse contro il suo cliente erano “false”. Caldwell, che è stato istruito a Wharton prima di lavorare come venditore di obbligazioni a First Boston e andare a officiare al matrimonio di Jenna Bush, ha affermato che le obbligazioni sono ”  legittimo “e ha restituito denaro agli investitori su loro richiesta.  Smith ha sottoscritto un patteggiamento sulle accuse il mese scorso.

A questo punto la partita di riapre e Trump potrebbe utilizzare questi debiti con arma commerciale contro la Cina.


Articolo di Bloomberg che parla della nuova guerra commerciale di Trump con la Cina. https://www.bloomberg.com/news/articles/2019-08-29/trump-s-new-trade-war-weapon-might-just-be-antique-china-debt
Translate

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.

 

>> Cookie Policy <<