AltroCollezionismoFilatelia

5 PARTE MARCOFILIA ANNULLI PER LA POSTA MILITARE

Gli uffici della Posta Militare possono essere mobili quando seguono gli spostamenti delle truppe a seguito di un conflitto o di stanziamenti momentanei oppure fissi se si trovano presso comandi o altri enti militari. Generalmente gli uffici sono dotati di propri bolli che, nel caso di uffici mobili, non contengono indicazioni sulla località ma numeri convenzionali di identificazione. Sulle navi militari, nel caso siano dotate di ufficio postale, è possibile che il timbro indichi il nome della nave.

I primi annulli per la posta militare italiana risalgono al 1866 e sono legati all’episodio del Risorgimento che vide le truppe italiane manovrare per la conquista del Veneto. Consistevano in un annullo a numerale a rombi dove i numeri erano in forma di numerazione romana. Sulla posta militare veniva apposto anche un timbro tondo con intorno la dicitura “Posta Militare Italiana” accompagnata al centro dalla data di spedizione.

Il 13 febbraio 1919 per il contingente italiano del 3º battaglione del 62º Reggimento di fanteria venne aperto a Costantinopoli, nel quartiere Galata in vicolo Mumhanè Sokak un ufficio postale militare”. Il contingente italiano affiancava le truppe britanniche e francesi nel loro compito di manutenzione dell’ordine pubblico in seguito all’Armistizio di Mudros che aveva lasciato la locale polizia in seria difficoltà. Il bollo usato fu un guller di 28 mm con la scritta “Posta militare” ed il nº 15 che identificava l’ufficio. Tale bollo fu prodotto con tre varietà riguardanti le lunette: nel primo molto larghe e nel secondo come nel terzo con fregi a fianco del numero.

Lo stesso Armistizio di Mudros fu conseguenza del particolare caso dell’Ufficio Postale di Smirne aperto dal 1919 al 1923. Questo ufficio Militare sostituì alternativamente l’ufficio civile e talvolta con la veste di ufficio Militare servì anche le esigenze civili. Nell’ufficio furono usati in tutto quattro bolli e sempre di tipo “Güller”. Solo su due tipi appare il numero identificativo dell’ufficio “171”; sugli altri due vi è posta una rosetta o la scritta Smirne. Su tutti però vi è la dicitura “Posta Militare”.

Translate